•  
     
    Topic search: corte di cassazione

  • AVV. ELISA COSSA

    Sospensione condizionale della pena – concessione per la seconda volta – estinzione del reato

    (Law Cases)

    Mon Jun 25 12:36:38 CEST 2018

    La Corte di Cassazione, Sez. I, con la sentenza n. 22872 del 22.05.2018, ha stabilito che la sospensione condizionale della pena può essere concessa una seconda volta anche qualora la pena da infliggere, cumulata con quella irrogata con la precedente condanna, superi i limiti stabiliti dall’art. 163 c.p., a patto che per la prima condanna il reato sia stato dichiarato estinto. Nel caso di specie, la persona era stata condannata nel 1996 alla pena di sei mesi di reclusione con concessione del be...


  • AVV. ELISA COSSA

    La delega prevista dall'art. 102 c.p.p. deve essere conferita necessariamente per iscritto

    (News & Articles)

    Thu Jun 14 14:13:05 CEST 2018

    La Corte di Cassazione con la sentenza n. 26606 del 26.04.2018 stabilisce che la delega prevista dall'art. 102 c.p.p. deve essere conferita necessariamente per iscritto. Per la Corte si deve addivenire a tale conclusione considerato quanto previsto dall'art. 96 c.p.p. e dell'art. 34 disp. att. c.p.p. La chiave di lettura è il co. 2 dell'art. 96 c.p.p., il quale prevede che la nomina (così come la designazione del sostituto, in virtù del rimando fatto dall'art. 34 disp. att. c.p.p.) è fatta con...


  • AVV. ELISA COSSA

    Rapporto tra appropriazione indebita e bancarotta per distrazione - ne bis in idem

    (News & Articles)

    Thu Jun 14 09:58:28 CEST 2018

    Con la sentenza n. 25651/2018 la Suprema Corte torna sul rapporto tra appropriazione indebita e “distrazione” (una volta dichiarato il fallimento) degli stessi beni rispetto al divieto di un secondo giudizio ex art. 649 c.p.p. La Corte ricorda che tale questione ha trovato differenti soluzioni nella giurisprudenza di legittimità. Per la Suprema Corte, la questione, oggi, deve essere risolta alla luce dei principi affermati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 200 del 31/5/2016. Con la...


  • AVV. ELISA COSSA

    Appello civile - La Suprema Corte ribadisce il contenuto dell'atto di appello dopo la riforma dell'art. 342 c.p.c.

    (News & Articles)

    Mon Jun 04 11:00:09 CEST 2018

    La Corte di Cassazione Civile, Sez. VI, con l'ordinanza n. 3535/2018, ribadisce quanto già affermato precedentemente dalla Sez. 3 con l'ordinanza n. 10916 del 05/05/2017 e dalle Sezioni Unite con la sentenza n. 27199 del 16/11/2017, ovvero che l'art. 342 c.p.c., nella sua attuale formulazione: - non esige dall'appellante alcun “progetto alternativo di sentenza”; - non esige dall'appellante alcun vacuo formalismo fine a se stesso; - non esige dall'appellante alcuna trascrizione integrale o par...


  • AVV. ELISA COSSA

    Quando il diritto di cronaca prevale sul diritto all'oblio – il “pentalogo” della Suprema Corte

    (News & Articles)

    Mon May 28 11:54:06 CEST 2018

    La Corte di Cassazione, I sez. civ., con l'ordinanza n. 6919/2018 torna ad occuparsi del c.d. «diritto all'oblio». La Suprema Corte, con tale ordinanza, rammenta che l'esistenza del c.d. «diritto all'oblio» è stata affermata sia nelle giurisprudenza europea che in quella nazionale. In dette pronunce è emersa l'esigenza di un contemperamento tra due diversi diritti fondamentali: il diritto di cronaca, posto al servizio dell'interesse pubblico all'informazione, ed il diritto alla persona a ch...


  • WORLDLAWBOOK .

    La Corte riconosce il reato di abuso d’ufficio al Sindaco che annulla un incarico organizzativo con anticipo | Lapostadelsindaco.it

    (Link)

    Fri May 18 14:50:46 CEST 2018

    La sentenza n.19519/2018 emessa dalla Corte di Cassazione Penale, Sezione Sesta, presieduta dal Dott. Rotundo Vincenzo, ha stabilito che lontano dalle ipotesi di decadimento contenute nelle leggi, nei contratti o nei regolamenti di uffici e servizi, il Sindaco che annulla l’incarico organizzativo in anticipo esercita il reato di abuso d’ufficio.


  • WORLDLAWBOOK .

    Cassazione. In mancanza del consenso informato il paziente deve dimostrare che avrebbe agito diversamente, ma resta danno alla sua capacità di autodeterminazione - Quotidiano Sanità

    (Link)

    Wed May 16 10:59:48 CEST 2018

    La Corte di Cassazione (ordinanza 11749/2018) ha rinviato alla Corte di Appello una sentenza con cui si escludeva il risarcimento a un paziente male informato, per riesaminare il caso alla luce del danno da lesione del diritto di autodeterminazione, provocato appunto dalla mancanza di un corretto consenso informato. LA SENTENZA. 


  • AVV. ELISA COSSA

    Procura alle liti rilasciata all’estero - requisiti di validità

    (Law Cases)

    Sun May 13 12:26:26 CEST 2018

    Il caso trattato riguarda un cittadino tedesco residente in Germania che ha proposto opposizione ex art. 22 L. n. 689/1981 avverso un verbale di contravvenzione al codice della strada innanzi il Giudice di Pace di Firenze. Con l’ordinanza n. 8174 del 4.4.2018 la Suprema Corte di Cassazione, sez. VI civ., ha stabilito che la procura può essere rilasciata anche all’estero, ma, in tal caso, devono essere rispettate determinate e specifiche modalità. In generale: - in base al disposto della L. 31...


  • AVV. ELISA COSSA

    Messa alla prova adulti

    (Law Cases)

    Sun May 13 09:44:14 CEST 2018

    Con la pronuncia n. 91 del 27 aprile 2018, la Corte costituzionale rigetta numerose questioni di legittimità, che mettevano in discussione la compatibilità della messa alla prova con i principi sanciti dalla Costituzione nella materia penale. Tale sentenza assume particolare rilevanza poiché viene dissipato ogni dubbio in relazione alla natura dell’istituto della messa alla prova. La Consulta, infatti, sancisce che la messa alla prova non viola l’art. 27 della Costituzione perché nel procedime...


  • ERNESTO CHERICI

    Residenza fiscale: Cassazione – Terza Sezione Penale – Sentenza 22 marzo 2018, n. 13114.

    (News & Articles)

    Wed Mar 28 07:18:13 CEST 2018

    Nella sentenza de qua la Suprema Corte ha confermato il concetto di residenza fiscale già sostenuto nella precedente sentenza n. 14434/2010 della Cassazione Civile.


  • Log in or Register
  • Log in
  • Sign Up
  • Search