• Per la copertura della RC professionale dell'avvocato deve considerarsi il momen...

LUDOVICO GAMBERINI

Per la copertura della RC professionale dell'avvocato deve considerarsi il momento di realizzazione del fatto-rischio assicurato e non il momento in cui si verifica il danno

(News & Articles)


Con la sentenza n. 5791depositata il 13 marzo 2014, la Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione, precisa come la vigenza della copertura assicurativa per l'attività eserciata da un avvocato non concerne il momento di realizzazione del danno quanto il momento di verificazione del rischio assicurativo, fonte di obbligazione.
Nel caso di specie, un avvocato aveva proposto tardivamente un atto di appello e la sentenza che aveva dichiarato l'inammissibilità dell'impugnazione con relativa condanna alle spese era stata pronunciata dopo alcuni mesi in cui non vi era più copertura assicurativa.
L'avvocato aveva chiesto si essere indennizzato dalla propria compagnia di assicurazione ma la stessa si rifiutava in quanto a dire dell'assicurazione la predetta richiesta sarebbe stata avanzata successivamente al periodo di vigenza della copertura e comunque il danno si sarebbe verificato fuori dal periodo di assicurazione.
La Corte di Cassazione precisa come ciò che deve essere considerato è il verificarsi del rischio assicurato ed il momento dunque in cui si è verificato tale dato e non tanto il momento in cu si sarebbe concretizzato il danno (condanna alle spese giudiziali decise dalla Corte d'appello).
In definitina nella Responsabilità civile professionale degli avvocati, per stabilire l'estensione della copertura del «rischio assicurato» si deve guardare alla commissione del fatto che causalmente può originare il danno civilistico e non alla sua definizione in sede giudiziale

Sun Mar 16 08:38:17 CET 2014



Views 281

Forward

Forward

Share

Go To Full Profile Follow

Comments

Nothing to display

Add your comment


  • Log in or Register
  • Log in
  • Sign Up
  • Search