• L'Onere della prova nella responsabilità civile sanitaria

GIULIO BRUNO

L'Onere della prova nella responsabilità civile sanitaria

(News & Articles)


Com’è giuridicamente qualificato il rapporto intercorrente tra medico curante e paziente? Quali gli elementi probatori a carico del soggetto leso e quale la prova liberatoria a favore del sanitario e della struttura? La giurisprudenza è variata nel tempo, ma la sentenza della Cassazione Civile, sezione III, n. 18341 del 31 Luglio 2013 conferma l’odierno orientamento dei giudici della Suprema Corte. Il rapporto medico-paziente va oltre il mero inquadramento ex art. 2043 cod. civ. (responsabilità da fatto illecito) e viene qualificato entro la responsabilità contrattuale c.d. “da contatto“. Anche in questo caso tuttavia, dal punto di vista processuale, gravano in capo al paziente leso determinati oneri probatori. Vediamo quali.
L’attore (il paziente danneggiato) ha l’onere: a) “di allegare e di provare l’esistenza del rapporto di cura”; b) di provare il danno subito; c) di dimostrare come tale danno sia stato nella specie provocato da un comportamento attivo o omissivo del medico curante, sia per dolo che per colpa (negligenzia, imprudenza o imperizia del sanitario). Il comportamento deve cioè sulla base del criterio del più probabile che non (ben diverso dal criterio penalistico, più rigido, del “al di là di ogni ragionevole dubbio”).
Il medico, all’opposto, al fine di liberarsi dalla responsabilità, deve dimostrare che “l’eventuale insuccesso dell’intervento, rispetto a quanto concordato o ragionevolmente attendibile, è dipeso da causa a sè non imputabile”. Deve cioè provare che il nesso causale è stato interrotto da un evento, esterno ed imprevedibile, idoneo ad incidere sulla salute del paziente (nel caso di specie, una patologia pregressa del feto, sorta per cause non ascrivibili al personale sanitario che al contrario l’ha tempestivamente diagnosticata).
Se il giudice del merito ha applicato tale schema processuale e, nel fornire la propria soluzione, ha motivato compiutamente la decisione adottata, la sentenza risulta insindacabile da parte della Corte di Cassazione.

Sun Mar 02 09:56:39 CET 2014



Views 469

Forward

Forward

Share

Go To Full Profile Follow

Comments

Nothing to display

Add your comment


  • Log in or Register
  • Log in
  • Sign Up
  • Search